Arterite temporale (cuoio capelluto infiammato)


Testa | Neurologia | Arterite temporale (cuoio capelluto infiammato) (Disease)


L’arterite temporale è una grave condizione, comune tra le persone che sono stati trattati con alte dosi di antibiotici o hanno subito gravi infezioni.

I suoi sintomi principali sono sonnolenza, malessere e debolezza. Il trattamento rapido può migliorare immediatamente i sintomi. Se non trattata porterà ad un peggioramento della malattia e a gravi complicazioni. Ci sono alcuni sintomi gravi associati all’arterite temporale. E possibile che molte persone non si accorgono di avere un problema serio, perché alcuni sintomi sono vaghi e relativamente minori e sono spesso dimenticati o ignorati. Sudorazione eccessiva, febbre e sensazione generale di disagio sono manifestazioni comuni della malattia. Sono di solito causati dalla mancanza di flusso di sangue al cervello e alle altre parti importanti del corpo. Dolore della mascella e perdita di appetito sono comuni e sono causate da diminuzione del flusso sanguigno normale.

Altri sintomi possono essere dolori muscolari, forti mal di testa, la tenerezza del cuoio capelluto e persino la cecità. I disturbi visivi, possono essere trattati con chirurgia LASIK. In rari casi, il paziente diventa cieco. Letargia estrema e perdita di peso improvvisa sono altri segni della malattia. Quando perdono più del 5% del peso corporeo totale, senza una causa apparente il motivo potrebbe essere un grave problema. Questi sintomi possono verificarsi se non si viene trattati, quindi bisogna portare attenzione alle manifestazioni anormali e atipiche, per poterle comunicare al medico.

Cause e fattori di rischio

L’arterite temporale si sviluppa in pazienti affetti da polimialgia reumatica. La polimialgia è una condizione che causa forte dolore acuto ai fianchi, spalle, soprattutto nelle persone anziane. Non si sa molto di più su ciò che provoca questa malattia.

La maggior parte delle persone con questa diagnosi hanno un’età superiore ai 50 anni. Alcuni ricercatori hanno cercato di dimostrare che questa malattia è genetica, ma non sono stati in grado di riportare delle risposte e conferme concrete. Questa condizione è nota come larterite a cellule giganti.

Diagnosi e trattamento

Lobiettivo del trattamento è quello di ridurre i danni ai tessuti che possono verificarsi a causa della mancanza di flusso sanguigno. Il medico probabilmente prescrivere corticosteroidi assunti per via orale. I corticosteroidi sono iniziati prima ancora che una biopsia conferma la diagnosi. Laspirina può anche essere raccomandata.

La maggior parte delle persone iniziane si sente meglio nel giro di pochi giorni dopo linizio del trattamento. Tuttavia, è necessario prendere farmaci per 1 - 2 anni. La dose di steroidi viene lentamente ridotta. L’assunzione di farmaci corticosteroidi per questo tempo può rendere le ossa più sottili e aumentare la probabilità di una frattura.

...