Ascesso cerebrale (raccolta di pus)


Testa | Neurologia | Ascesso cerebrale (raccolta di pus) (Disease)


Gli ascessi cerebrali possono derivare i da uninfezione allorecchio, ascesso dentale, infezione dei seni paranasali, infezione delle cellule daria mastoide dellosso temporale, ascesso epidurale. Se il cranio è penetrato, i batteri possono entrare nel cervello e causare infezioni. La fonte più comune è una infezione polmonare.

I sintomi più frequenti che si presentano sono cefalea, sonnolenza, confusione, disattenzione, irritabilità, febbre e brividi, vomito, torcicollo, convulsioni, emiparesi, perdita della funzione muscolare e difficoltà di linguaggio.

Se non curata possono apparire complicazioni . Queste sono: danni al cervello, meningite che è grave e pericolosa per la vita e il ritorno (recidiva) di infezione.

Cause e fattori di rischio

L’ascesso cerebrale è di solito associato ad una malattia cardiaca congenita nei bambini piccoli. Di seguito le cause che possono aumentare il rischio di un ascesso cerebrale: un indebolimento del sistema immunitario, come in pazienti affetti da AIDS, malattie croniche come il cancro o di Osler-Weber-Rendu sindrome farmaci che sopprimono il sistema immunitario come i corticosteroidi o chemioterapia e malattie cardiopatie congenite.

Diagnosi e trattamento

Esami per diagnosticare un ascesso cerebrale possono includere: TAC alla testa , Elettroencefalogramma (EEG), emocolture, esame emocromocitometrico completo (CBC), risonanza magnetica della testa. Può essere eseguita con una biopsia l’esame per controllare la presenza di anticorpi come Toxoplasma gondii e Taenia solium, per identificare la causa dellinfezione.

Il trattamento prevede labbassamento della pressione intracranica e l’uso antibiotici per via endovenosa. Farmaci antifungini possono anche essere prescritti se linfezione è causata da un fungo. La chirurgia è necessaria se la pressione nel cervello persiste o peggiora e lascesso cervello non regredisce dopo i farmaci.

...