Dificile clostridium (c. diff)


Addome | Gastroenterologia | Dificile clostridium (c. diff) (Disease)




Clostridium difficile (C. difficile) è un batterio che è legato al batterio che causa il tetano e il botulismo. Il batterio C. difficile ha due forme, una attiva, infettiva che non può sopravvivere nellambiente per lunghi periodi, e una non attiva, non infettiva, denominata spore, che può sopravvivere nellambiente per lunghi periodi. Sebbene le spore non possono causare infezione direttamente, quando vengono ingeriti si trasformano in attive e infettivi.

Una persona con colite pseudomembranosa ha una grave infiammazione del colon, causata da un trattamento con antibiotici. Gli antibiotici uccidono i batteri che normalmente vivono nel colon. Questo porta ad una crescita eccessiva di batteri, chiamati Clostridium , che invadono la parete del colon e causano l’ infiammazione, 1 ogni 15. 000 persone trattate con antibiotici sviluppa la colite pseudomembranosa.

Cause e fattori di rischio

In una percentuale molto piccola della popolazione adulta, C. difficile presenta dei batteri nellintestino. Altre persone accidentalmente ingeriscono le spore del batteri come i pazienti in un ospedale, casa di cura, o struttura similare.

Quando i batteri invadono la flora batterica che è stata precedentemente ditrutta (di solito dopo un antibiotico ad ampio spettro, come clindamicina ), lintestino diventa invaso da C. difficile. Questa sovrappopolazione è dannosa perché i batteri rilasciano tossine che possono causare gonfiore e diarrea, con dolori addominali, che possono diventare gravi.

L’infezioni da C. difficile è la causa più comune di colite pseudomembranosa, e in rari casi questo può passare alla megacolon tossica, che può essere pericolosa per la vita.

Diagnosi e trattamento

Il primo passo nel trattamento di C. difficile è quello di smettere di prendere lantibiotico che ha attivato linfezione. Per una malattia lieve, questo può essere sufficiente per alleviare i sintomi. Ma molte persone necessitano di ulteriore trattamento.

...