Varici esofagee


Addome | Gastroenterologia | Varici esofagee (Disease)




Varici esofagee (o varici esofagee) sono estremamente dilatate nel terzo inferiore dellesofago. Sono più spesso una conseguenza di ipertensione portale; i pazienti con varici esofagee hanno una forte tendenza a sviluppare sanguinamento.

I sintomi comprendono vomito di sangue, dolore toracico, problemi respiratori, svenimento, feci nere (melena), stanchezza. La perdita di sangue cronica può causare sintomi di anemia.

Cause e fattori di rischio

Le varici esofagee sono di solito causate da insufficienza epatica, cirrosi, o altre condizioni che causare ridotto afflusso di sangue attraverso il fegato. Questo fa sì che le vene nellesofago e nello stomaco formano varici. Lallargamento provoca alle pareti delle vene di diventare più fragili. Una grave emorragia gastrointestinale si può verificare se si rompono vene.

Diagnosi e trattamento

Il trattamento per le varici esofagee mira a ridurre il rischio di sanguinamento da varici. Il trattamento per varici esofagee include l’evitare l’alcol, farmaci per ridurre il rischio di sanguinamento, e interventi chirurgici per fermare il sanguinamento.

In caso di sanguinamento refrattario, il tamponamento con il palloncino con Sengstaken-Blakemore può essere necessario, di solito come un ponte per favorire lendoscopia o il trattamento della causa sottostante di sanguinamento (ipertensione portale in genere). I metodi di trattamento della ipertensione portale sono: transgiugulare shunt portosistemico intraepatico (TIPS), o di una procedura distale con uno shunt spleno renale o un trapianto di fegato.

La supplementazione nutrizionale è necessaria se il paziente non mangia da giorni.

...