Ipossia (mancanza di ossigeno)


Petto | Medicina d'emergenza | Ipossia (mancanza di ossigeno) (Disease)




Ipossia cerebrale si riferisce alla parte esterna del cervello, una zona denominata emisfero cerebrale. Tuttavia, il termine è spesso usato per riferirsi ad una mancanza di ossigeno al cervello intero. L’ipossia cerebrale si verifica quando non cè abbastanza ossigeno al cervello. Il cervello ha bisogno di un costante rifornimento di ossigeno e nutrienti per funzionare.

Le cellule cerebrali sono estremamente sensibili alla mancanza di ossigeno. Alcune cellule cerebrali cominciano a morire meno di 5 minuti dopo la scomparsa di ossigeno . Come risultato, l’ipossia cerebrale può rapidamente causare seri danni cerebrali o morte

I sintomi di lieve ipossia cerebrale includono: , cambio di attenzione (disattenzione), scarsa capacità di giudizio, il movimento scoordinato

I sintomi di una grave ipossia cerebrale includono: , completa inconsapevolezza e assenza di reazione (coma), nessuna risposta delle pupille degli occhi alla luce

Cause e fattori di rischio

Nell’ipossia cerebrale, talvolta solo lossigeno viene interrotto. Ciò può essere causato da: respirazione di fumo (inalazione di fumo ad esempio durante un incendio), avvelenamento da monossido di carbonio, soffocamento, le malattie che impediscono il movimento (paralisi) dei muscoli respiratori (come ad esempio la sclerosi laterale amiotrofica), con elevate altitudini, la pressione su ( compressione) la trachea (trachea), strangolamento

In altri casi, quando sia l’ossigeno e l’apporto di sostanze nutritive vengono fermate da: arresto cardiaco (quando il cuore smette di pompare), aritmia cardiaca, complicanze dellanestesia generale, annegamento, overdose di droga, lesioni a un neonato che si sono verificati prima, durante, o subito dopo la nascita (Vedi: paralisi cerebrale), ictus, pressione sanguigna molto bassa.

Le complicazioni da ipossia cerebrale includono un prolungato stato vegetativo. Ciò significa che la persona può avere funzioni vitali di base come la respirazione, la pressione sanguigna, ciclo sonno-veglia, e lapertura degli occhi, ma non è vigile . Questi pazienti di solito muoiono entro un anno, anche se alcuni possono sopravvivere più a lungo

La lunghezza della sopravvivenza dipende in parte da quanto si ha cura di evitare altri problemi. Le principali complicazioni possono comprendere: piaghe da decubito, coaguli nelle vene (trombosi venosa profonda), infezioni polmonari (polmonite), la malnutrizione

Diagnosi e trattamento

La prevenzione dipende dalla causa specifica. Purtroppo, l’ipossia è di solito inaspettata. Questo rende la condizione un po difficile da prevenire.

La rianimazione cardiopolmonare (RCP) può salvare la vita, soprattutto quando inizia subito.

...