Abuso di metamfetamina


Addome | Medicina Generale | Abuso di metamfetamina (Disease)




La metanfetamina è una droga stimolante del sistema nervoso centrale che è simile nella struttura a quello delle anfetamine. A causa del suo grande abuso, la metanfetamina è classificata come una droga di tipo II ed è disponibile solo attraverso una prescrizione medica non ripetibile. Sebbene la metanfetamina può essere prescritta da un medico, i suoi usi medici sono limitati e le dosi prescritte sono molto inferiori a quelle tipicamente implicate in un abuso. La maggior parte delle metanfetamine proviene da laboratori nazionali o esteri, anche se può essere fabbricata anche in piccoli laboratori illegali.

La metamfetamina aumenta il rilascio e blocca la ricaptazione della dopamina a livello celebrale, innalzando i suoi livelli - meccanismo dazione comune, per la maggior parte delle droghe. La dopamina è coinvolta nella ricompensa, nella motivazione, lesperienza del piacere e la funzione motoria. Labilità della metanfetamina di rilasciare rapidamente dopamina nelle aree dette di ricompensa del cervello fa si di provare unintensa o accellerata euforia, che molti consumatori sentono dopo aver sniffato, fumato o iniettato droga.

Cause e fattori di rischio

Labuso cronico di metanfetamina cambia significativamente le funzioni del cervello. Studi di alcune immagini non invasive del cervello umano hanno mostrato delle alterazioni nellattività del sistema dopaminico che vengono associate alle ridotte capacità motorie e alla compromissione dellapprendimento verbale. 1 Studi recenti hanno anche rivelato come i consumatori cronici di metanfetamine hanno gravi alterazioni strutturali e funzionali in aree del cervello associate a quelle delle emozione e della memoria, 2,3 questo può spiegare molti dei problemi emotivi e cognitivi osservati nei tossicodipendenti di metanfetamine.

Il ripetuto abuso di metanfetamina può portare alla dipendenza, una malattia cronica, caratterizzata dalla ricerca compulsiva di droga, accompagnata da cambiamenti chimici e molecolari nel cervello. Alcuni di questi cambiamenti persistono a lungo anche inseguito allinterruzione. Alcuni cambiamenti, tuttavia, si possono cominciare ad osservare solamente dopo lunghi periodi di astinenza (ad esempio, più di 1 anno).

Diagnosi e trattamento

Attualmente, i trattamenti più efficaci per la dipendenza da metanfetamine sono gli interventi cognitivo-comportamentali. Ad esempio, il modello a Matrice - un approccio che combina terapia comportamentale alleducazione familiare, consulenza individuale, 12 passi di supporto, test anti-droga e la promozione di attività legate al non uso di farmaci dannosi - ha dimostrato di essere efficace nel ridurre labuso di metamfetamina.

Interventi demergenza, che forniscono incentivi tangibili in cambio di impegno nel trattamento e nel mantenimento dellastinenza, hanno dimostrato la loro efficacia. Attualmente non ci sono in commercio farmaci approvati per il trattameto d...