Disturbo da deficit attenzione (add)


Testa | Neurologia | Disturbo da deficit attenzione (add) (Disease)




ADD (Attention Deficit Disorder) è lincapacità di controllare il comportamento a causa della difficoltà di elaborare gli stimoli neurali. Il disturbo da deficit di attenzione è uno dei tre sottotipi di deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

ADD è caratterizzata principalmente da disattenzione, distraibilità facile, disorganizzazione, procrastinazione, e la dimenticanza. Si differenzia da altri sottotipi di letargia - fatica, e con sintomi minori o inesistenti iperattività o impulsività tipica dei sottotipi ADHD .

I sintomi osservati potrebbero essere: non attenzione ai particolari o fare errori di distrazione a scuola-lavoro o di altre attività, problemi a mantenere la concentrazione durante il gioco o le attività, non ascoltare quando si parla, dimenticanza, errori di distrazione quando si lavora su progetti poco interessanti o difficile, difficoltà a concentrarsi sulla conversazione, disorganizzazione degli oggetti personali, problemi nel ricordare appuntamenti e obblighi.

Cause e fattori di rischio

La causa di ADD non è stato completamente definita. Una teoria definisce la causa in delle variazioni del cervello . Tuttavia, è stato anche osservato che variazioni simili sono stati osservati nel di individui non affetti , Studi sugli animali hanno dimostrato differenze nella chimica dei trasmettitori cerebrali coinvolti con il giudizio, controllo degli impulsi, la vigilanza, la pianificazione e flessibilità mentale.

Diagnosi e trattamento

Una diagnosi ADD è subordinata ai sintomi di perdita che si presentano in due o più impostazioni (per esempio, a scuola o al lavoro e a casa). Ci deve essere anche una chiara evidenza di compromissione clinicamente significativa del funzionamento sociale, scolastico, o lavorativo. Studi recenti indicano che i farmaci per il trattamento di ADHD tendono a lavorare bene negli individui con il tipo prevalentemente disattento. Questi farmaci comprendono due classi di farmaci, stimolanti e non stimolanti. Insieme con i farmaci, si raccomanda la terapia comportamentale per migliorare le capacità organizzative, tecniche di studio o di funzionamento sociale

...