Malattie a trasmissione sessuale (std)


Bacino | Medicina Generale | Malattie a trasmissione sessuale (std) (Disease)


Malattie sessualmente trasmissibili o malattie veneree sono le infezioni sessualmente trasmissibili (normale, orale o anale), ma possono essere trasmessi in altri modi. I mezzi di trasmissione di queste malattie, a parte il sesso, possono essere: il contatto con la zona infetta, il contatto con oggetti infetti (aghi) o da madre a figlio.

Queste malattie possono essere classificati in due categorie: le principali malattie a trasmissione sessuale, tra cui: La sifilide, gonorrea , ulcera molle, granuloma inguinale. Quelle minori sono: la tricomoniasi urogenitale, candidosi urogenitale, herpes genitale, vegetazioni veneree, mollusco contagioso, scabbia, pidocchi; Alcune forme di epatite virale. Negli ultimi dieci anni, linfezione da HIV, linfezione più pericolosa con la sifilide, ha causato epidemie senza precedenti. Lespressione clinica delle malattie sessualmente trasmissibili si verifica soprattutto nella zona genitale, ma può essere in bocca, pelle o gli occhi.

I sintomi sono: dolore pelvico, bruciore, prurito, irritazione, dolore durante il rapporto sessuale (dispareunia) o la minzione (disuria). Non sempre si verificano questi sintomi - alcuni di loro scompare per sé, anche se linfezione rimane.

Cause e fattori di rischio

Le malattie a trasmissione sessuale sono causate da batteri e virus. Sono causate da batteri di clamidia, gonorrea, tricomoniasi, e la sifilide. Le malattie sessualmente trasmissibili possono essere curate con antibiotici. Il rischio di infezione da malattie sessualmente trasmissibili è maggiore facendo sesso con partner multipli se non si utilizza il preservativo come mezzo di protezione e quando si usano stupefacenti per via parenterale, farmaci o il vostro partner a sua volta ha molteplici partner sessuali.

Diagnosi e trattamento

Il primo passo nel trattamento MST è una visita medica.

Il trattamento deve essere continuato per tutto il periodo raccomandato, anche se i sintomi scompaiono, e il rapporto può essere ripreso dopo tre giorni dalla cessazione del trattamento in conformità con le raccomandazioni del medico

...