Feci (sanguinamento rettale)


Natica Retto | Gastroenterologia | Feci (sanguinamento rettale) (Symptom)


Descrizione

Sanguinamento rettale si riferisce alla rimozione del sangue (spesso mescolato con residui di feci e / o coaguli di sangue) dal tratto digerente attraverso il retto. Si chiama emorragia rettale perché il sangue può provenire dal retto ma anche da altre parti del tratto gastrointestinale. Il volume di sangue perso varia da caso a caso. Può essere minimo - una situazione in cui i pazienti perdono qualche goccia di sangue, sbiadito - a grave sanguinamento, che è quantitativamente importante.

Generalmente, un lieve sanguinamento rettale viene valutato e trattato in ufficio gastroenterologo senza necessità di ricovero o di emergenza di diagnosi e trattamento. Altre volte, il sanguinamento rettale può essere lieve o grave. I pazienti con emorragia moderata mostrano ripetutamente una perdita importante di sangue, rosso o marrone, spesso mescolato con feci e / o coaguli di sangue. Per le persone che hanno una grave emorragia che può aumentare durante la defecazione è dovuto al duro lavoro. Indipendentemente dal tipo, moderato o marcato, il sanguinamento rettale può influire sulla salute generale di una persona, che coinvolge sintomi quali la diminuzione della pressione arteriosa, l'ipotensione ortostatica (sangue quando il paziente si alza improvvisamente dopo essere stato sdraiato o seduto), vertigini, debolezza o svenimento .

Raramente, il volume del sangue rimosso è così importante da causare l'entrata del paziente in uno stato di shock. Tuttavia i pazienti che hanno perso una notevole quantità di sangue possono richiedere il ricovero ospedaliero d'urgenza e le trasfusioni di sangue.

Cause

Molte malattie e condizioni possono causare sanguinamento rettale. Più comunemente si trovano: ragadi anali, emorroidi, cancro del retto o polipi o del colon, diverticolosi, vasi sanguigni anomali, colite ulcerosa, proctite ulcerosa, colite di Crohn, colite infettiva, colite ischemica, diverticoli di Meckel.

Diagnosi e trattamento

La maggior parte dei casi possono essere diagnosticati con endoscopia rettale, intestinale endoscopia o esame di bario. Può essere necessario effettuare una cultura e un esame delle feci. Se la diagnosi è incerta, si consiglia una visita ad un gastroenterologo per una colonscopia e di altri test. L'endoscopia fatta da un gastroenterologo può richiedere angiografia per tenue, ed è studiata con radioisotopi. ...